La scelta della posizione ottimale per il defibrillatore automatico esterno (DAE) è fondamentale. I DAE salvano vite solo se sono facili da trovare e possono essere utilizzati entro 3 minuti dal collasso. Il tasso di sopravvivenza all’arresto cardiaco diminuisce del 10% per ogni minuto trascorso senza un trattamento medico di emergenza. 

Più persone, più probabilità di arresto cardiaco.

Per rendere il programma DAE il più efficace possibile, questi devono essere posizionati nelle aree a maggior traffico e nei luoghi in cui è più probabile che si verifichi un arresto cardiaco improvviso. Nell’ambito dei requisiti di formazione sui DAE, tutti gli utenti formati devono sapere esattamente dove trovare questi dispositivi in caso di emergenza.

Un apparecchio automatico per la defibrillazione non dovrebbe poi mai essere nascosto in un cassetto o in un armadietto, soprattutto se chiuso a chiave.

Aree ad alta frequentazione

Per agevolare un intervento tempestivo, i DAE dovrebbero essere posizionati vicino agli spazi in cui si riunisce il maggior numero di persone, e non in un punto nascosto di un corridoio o in un ripostiglio con accesso consentito solo al personale. Ecco alcuni esempi di aree pubbliche ad alta frequentazione per diverse aziende e strutture dove sarebbe opportuno collocare la cassetta porta defibrillatore:

  • Ristorante: la sala principale.
  • Luogo di culto: L’auditorium principale, la cucina e la sala riunioni.
  • Palestra: Gli spazi per l’allenamento e la caffetteria.
  • Hotel: La hall, la palestra o la piscina e la sala conferenze.
  • Scuola: L’ufficio, la palestra e la mensa.

In caso di emergenza, molte persone faticano a pensare con chiarezza, quindi il defibrillatore automatico deve essere facile da trovare sia per i lavoratori che per gli esterni.

Liberamente tratto e tradotto da https://www.aedleader.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.